CAT (Ex Geometri)
Orientamento

 

CAT

    dalessandra.PNG  Mangione.PNG

COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO (EX GEOMETRI)

Logo dell'Istituto

ISTITUTO TECNICO

SETTORE TECNOLOGICO

INDIRIZZO COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO (EX GEOMETRI)

Profilo culturale e risultati di apprendimento dei percorsi del settore tecnologico

 

Istituto Tecnico

Profilo culturale e risultati di apprendimento dei percorsi del

settore tecnologico

 

 

CAT

(Tabella con la scansione oraria)

Materie 1 2 3 4 5
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4
Storia     2 2 2 2 2
Lingua inglese 3 3 3 3 3
Sc. Integrate (Fisica) 3 3      
Compresenza  Sc. Integrate (Fisica) 1 1      
Matematica   4 4 3 3 3
Compl.  Matematica     1    
Topografia      4 4 4
Compresenza di  Topografia     2   2
Geopedologia      3    
Economia ed  Estimo           4 4
Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro     2 2 2
Progettazione, Costruzioni e Impianti (PCI)     7 6 7
Compresenza  PCI     6   7
STA             3      
Sc. Integrate (Chimica) 3 3      
Compresenza  Sc. Integrate (Chimica) 3 3      
Scienze integrate ( sc. Terra e Biologia) 2 2      
Tecnologie informatiche 3        
Compresenza di Tecnologie Informatiche 2        
Diritto ed economia 2 2      
Tecnologie e tecnicche di rappresentazione grafica 3 3      
Compresenza  Tec. e tecn.  di rappresentazione grafica 1 1      
Geografia generale ed economica 1        
Sc. Motorie       2 2 2 2 2
Religione    1 1 1 1 1

 

 

 

Il profilo del settore tecnologico si caratterizza per la cultura tecnico-scientifica e tecnologica in ambiti ove interviene permanentemente l’innovazione dei processi, dei prodotti e dei servizi, delle metodologie di progettazione e di organizzazione.

Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, sono in grado di:

  • Individuare le interdipendenze tra scienza, economia e tecnologia e le conseguenti modificazioni intervenute, nel corso della storia, nei settori di riferimento e nei diversi contesti, locali e globali;

  • orientarsi nelle dinamiche dello sviluppo scientifico e tecnologico, anche con l’utilizzo di appropriate tecniche di indagine;

  • utilizzare le tecnologie specifiche dei vari indirizzi;

  • orientarsi nella normativa che disciplina i processi produttivi del settore di riferimento, con particolare attenzione sia alla sicurezza sui luoghi di vita e di lavoro, sia alla tutela dell’ambiente e del territorio;

  • intervenire nelle diverse fasi e livelli del processo produttivo, dall’ideazione alla realizzazione del prodotto, per la parte di propria competenza, utilizzando gli strumenti di progettazione, documentazione e controllo;

  • riconoscere e applicare i principi dell’organizzazione, della gestione e del controllo dei diversi processi produttivi;

  • analizzare criticamente il contributo apportato dalla scienza e dalla tecnologia allo sviluppo dei saperi e al cambiamento delle condizioni di vita;

  • riconoscere le implicazioni etiche, sociali, scientifiche, produttive, economiche ambientali dell’innovazione tecnologica e delle sue applicazioni industriali;

  • riconoscere gli aspetti di efficacia, efficienza e qualità nella propria attività lavorativa.

     

 

 

Profilo del diplomato nell’indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio:

  • ha competenze nel campo dei materiali, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie delle costruzioni, nell’impiego degli strumenti per il rilievo, nell’uso dei mezzi informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo, nella valutazione tecnica ed economica dei beni privati e pubblici esistenti nel territorio e nell’utilizzo ottimale delle risorse ambientali;

  • possiede competenze grafiche e progettuali in campo edilizio, nell’organizzazione del cantiere, nella gestione degli impianti e nel rilievo topografico;

  • ha competenze nella stima di terreni, di fabbricati e delle altre componenti del territorio, nonché dei diritti reali che li riguardano, comprese le operazioni catastali;

  • ha competenze relative all’amministrazione di immobili.

È in grado di:

  • collaborare, nei contesti produttivi d’interesse, nella progettazione, valutazione e realizzazione di organismi complessi, operare in autonomia nei casi di modesta entità;

  • intervenire autonomamente nella gestione, nella manutenzione e nell’esercizio di organismi edilizi e nell’organizzazione di cantieri mobili, relativamente ai fabbricati;

  • prevedere nell’ambito dell’edilizia ecocompatibile le soluzioni opportune per il risparmio energetico, nel rispetto delle normative sulla tutela dell’ambiente, redigere la valutazione di impatto ambientale;

  • pianificare ed organizzare le misure opportune in materia di salvaguardia della salute e sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro;

  • collaborare nella pianificazione delle attività aziendali, relazionare e documentare le attività svolte.

Nell’articolazione “Geotecnico”, il diplomato ha competenze specifiche nella ricerca e sfruttamento degli idrocarburi, dei minerali di prima e seconda categoria, delle risorse idriche. Interviene, in particolare, nell’assistenza tecnica e nella direzione lavori per le operazioni di coltivazione e perforazione.

 

In particolare, è in grado di:

  • collaborare nella conduzione e direzione dei cantieri per costruzioni in sotterraneo di opere quali tunnel stradali e ferroviari, viadotti, dighe, fondazioni speciali; intervenire con autonomia nella ricerca e controllo dei parametri fondamentali per la determinazione della pericolosità idrogeologica e geomorfologica, utilizzando tecniche di campionamento, prove in situ dirette, geofisiche ed in laboratorio, anche in contesti relativi alla valutazione di impatto ambientale;

  • eseguire le operazioni di campagna ai fini della caratterizzazione di siti inquinati (minerari e non) e opera nella conduzione delle bonifiche ambientali del suolo e sottosuolo;

  • applicare competenze nell’impiego degli strumenti per rilievi topografici e per la redazione di cartografia tematica;

  • agire in qualità di responsabile dei lavori e della sicurezza nei cantieri minerari, compresi quelli con utilizzo di esplosivi.

 

A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato nell’indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze.

  1. Selezionare i materiali da costruzione in rapporto al loro impiego e alle modalità di lavorazione.

  2. Rilevare il territorio, le aree libere e i manufatti, scegliendo le metodologie e le strumentazioni più adeguate ed elaborare i dati ottenuti.

  3. Applicare le metodologie della progettazione, valutazione e realizzazione di costruzioni e manufatti di modeste entità, in zone non sismiche, intervenendo anche nelle problematiche connesse al risparmio energetico nell’edilizia.

  4. Utilizzare gli strumenti idonei per la restituzione grafica di progetti e di rilievi.

  5. Tutelare, salvaguardare e valorizzare le risorse del territorio e dell’ambiente.

  6. Compiere operazioni di estimo in ambito privato e pubblico, limitatamente all’edilizia e al territorio.

  7. Gestire la manutenzione ordinaria e l’esercizio di organismi edilizi.

  8. Organizzare e condurre i cantieri mobili nel rispetto delle normative sulla sicurezza. In relazione a ciascuna delle articolazioni, le competenze di cui sopra sono sviluppate coerentemente con la peculiarità del percorso di riferimento.

     

     

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter
News

AVVISO

Ai sensi del decreto legge del 10 settembre 2001, chiunque intenda accedere all'interno dell'istituto, compresi i genitori e i lavoratori esterni, è tenuto a possedere e ad esibire la "Certificazione verde (Green pass)". Dal suddetto ordine rimangono esclusi gli studenti. Tale disposizione è valida sino al 31 dicembre2021. 

La Dirigente Scolastica dott.ssa Adriana Quattrocchi. 


 MAPPA DEGLI INGRESSI

  


(Volantino pubblicitario Open Day)